fbpx

Occhiali da sole in inverno

Anche nei mesi invernali è importante proteggere gli occhi dal sole.

Utilizza l’occhiale da sole anche in inverno, per riparare i tuoi occhi dai raggi ultravioletti, dall’eccesso di luce, e dall’abbagliamento.

L’occhiale da sole che si utilizza in inverno potrebbe essere diverso da quello che si utilizza in estate, dato che diverse sono le condizioni ambientali.
Generalmente nei mesi freddi la quantità di luce è inferiore e possono essere usate quindi lenti con una percentuale minore di assorbimento, a meno che non debbano essere utilizzati per sport o passeggiate in alta quota dove, in caso di bel tempo e in presenza di manto nevoso, la luminosità è intensa.

In generale, un aspetto da tenere in considerazione è la scelta del colore delle lenti del tuo occhiale da sole, perché influisce sulla tua percezione di contrasti e colori.

In generale:

  • Il grigio fumo non altera i colori
  • Il grigio-azzurro altera poco i colori, dando però una leggera dominante azzurrognola
  • Il marrone aumenta leggermente il contrasto a causa della dominante rossa
  • Il grigio-verde dona una visione naturale ed è forse la colorazione più utilizzata e più gradita
  • Il giallo è utile nelle giornate nuvolose o nebbiose, e all’imbrunire (non di notte), e offre maggior contrasto e sensazione di maggiore luminosità; utile per sport come il ciclismo, lo sci, il trekking. Non indicato quando la distinzione del colore è fondamentale
  • Il rosso e l’arancione sono d’aiuto in caso di patologie della retina perché a volte, aumentando sensibilmente il contrasto, inducono un leggero aumento del visus e nel contempo proteggono dalla luce blu
  • Il blu non è mai consigliato data la tossicità che questa parte dello spettro “ad alta energia” ha nei confronti dei tessuti oculari

Ciascun colore si può realizzare con diverse percentuali di assorbimento e con sfumature dall’alto al basso.
La sfumatura della lente ha molteplici indicazioni: motivi estetici; per proteggere di più la parte alta del campo visivo, che è la direzione da cui arriva il maggior quantitativo di luce, lasciando la parte bassa della lente più chiara per avere la possibilità, reclinando leggermente il capo all’indietro, di trovare una zona delle lente più trasparente in caso di improvvisa diminuzione della luminosità o, abbassando lo sguardo, per la lettura degli strumenti a bordo dell’autovettura o, nel caso di presbiti utilizzatori di lenti progressive e bifocali, per favorire la visione da vicino.

L’aggiunta della specchiatura può ridurre ulteriormente la quantità di luce, ma è da considerare più che altro una preferenza estetica.

La lenti possono essere trattate con l’antiriflesso sulla superficie interna, per evitare di percepire l’immagine dei propri occhi riflessa dalle lenti stesse. L’antiriflesso sulla superficie esterna è poco utile.

Le lenti polarizzate poi, riducono alcuni fastidiosi riverberi e sono particolarmente indicate per la guida e per alcuni sport.

Naturalmente è fondamentale provare le diverse soluzioni, perché la sensibilità personale è determinante.

La scelta può essere applicata anche all’occhiale con lenti da vista, colorando opportunamente le lenti.

Bisogna poi tenere in considerazione alcuni aspetti di carattere pratico e legale, perché alcune lenti sono adatte alla guida in ogni condizione d’illuminazione, alcune solo alla guida diurna ed altre non sono utilizzabili per la guida (né di giorno, né di notte).

Il tipo di idoneità dipende dalla percentuale di assorbimento della luce e dal colore del filtro ed è certificato dal costruttore o, nel caso di lenti da vista colorate, dall’ottico, ed è riportato sulla dichiarazione di conformità, che è obbligatoria per legge, secondo la seguente classificazione:

Filtro classe 0: idoneo per la guida notturna e diurna
Filtro classe 1: idoneo solo per la guida diurna
Filtro classe 2: idoneo solo per la guida diurna
Filtro classe 3: idoneo solo per la guida diurna
Filtro classe 4: non idoneo per la guida, sia diurna che notturna

Alla classe 4 appartengono le lenti che vengono tipicamente usate in alta quota (chiamate “da ghiacciaio”), o da persone gravemente fotofobiche, spesso in associazione con delle protezioni laterali agganciate alle aste, che riducono la luminosità laterale. In questa classe vengono talvolta classificate anche le lenti con colorazione per patologie retiniche (arancione, rosso e giallo ad alto contrasto cioè i cosiddetti filtri medicali), e con colorazione blu scuro (F133 o Z1 della Zeiss), per fotosensibilità specifica in soggetti affetti da epilessia.

Noi di Ottica Tulipani siamo molto attenti a questi aspetti e quando vieni da noi per scegliere un occhiale da sole, ti aiutiamo consigliandoti, ascoltando le tue esigenze e valutando i diversi parametri.

 

Ottica Tulipani può prendersi cura di te e fornirti tutte le risposte di cui hai bisogno.

Vieni a trovarci a Casarile in Via Binasco 78,
oppure chiamaci subito ai numeri 02 900 900 49334 11 78 889 per fissare un appuntamento.

Post recenti
× Ciao, come possiamo aiutarti?